A Pitti sfilano i viola e Di Francesco ma il divo lo fa Del Piero

 di Luciana Magistrato Twitter:   articolo letto 139 volte
A Pitti sfilano i viola e Di Francesco ma il divo lo fa Del Piero

La terza giornata di Pitti vede protagonisti contemporaneamente i campioni della Fiorentina nello stand dello sponsor L.B.M. con Carlos Sanchez, il centrocampista colombiano schierato in difesa in Coppa Italia, che carica l'ambiente in vista della Juventus. Contemporaneamente dai fratelli Ferrante arriva il possibile allenatore dei viola della prossima stagione, Eusebio Di Francesco, che prima vuole parlare solo di moda e dell'azienda dei suoi concittadini abruzzesi, poi si scioglie e con grande disponibilità parla anche di calcio. Chi invece fa il divo è Alessandro Del Piero che sceglie poche interviste, ovviamente solo per Sky di cui è già opinionista e pochi altri eletti, per poi concedersi ai tifosi e basta. Così quando esce è inevitabile l'assalto dei giornalisti esclusi, con tanto di rissa e quasi feriti con i bodyguard dai metodi poco ortodossi. Scelte opinabili e rispettabili allo stesso tempo, ma chi viene a Pitti sa che è un evento soprattutto mediatico e si dovrebbe adeguare, soprattutto se vuole pubblicizzare una linea di occhiali in cui è socio. Bellina pure, ma non merita neanche menzione.

Allo stand dei toscanissimi Ortigni (le cui scarpe vengono addirittura dedicate ad personam) ancora tanto calcio con Lorenzo Amoruso, Alberto Di Chiara e il giornalista Massimo Caputi. Infine c'era anche l'arbitro Gianluca Rocchi che per una volta si è concesso anche un'intervista tra moda, calcio e Fiorentina-Juve, da lui definita una sfida affascinante da arbitrare. Il fischietto fiorentino si è anche incontrato casualmente con il neo dirigente viola Giancarlo Antognoni. Tra le bellezze di giornata invece la regina è Costanza Caracciolo, testimonial Boy London mentre la sempre affascinante Stefania Stefanenko, che ieri sera era alla sfilata- evento di Ricci, si è fatta un giro fermandosi a salutare anche Del Piero che, a lei, di sicuro non poteva dire di no per un saluto via social in russo. Ah già, nel mezzo c'è stato anche un allarme bomba per una valigetta abbandonata da qualcuno che gli arteficieri hanno fatto brillare, mettendo in sicurezza la zona intorno all'ingresso dove era l'oggetto. Nessuna conseguenza se non una lunga coda ai cancelli che erano stati momentaneamente chiusi.

Pitti, allarme bomba © foto di Corrierespione
Pitti, Di Francesco © foto di Corrierespione
Pitti allarme bomba © foto di Corrierespione
Pitti incontro Antognoni-Rocchi © foto di Corrierespione
Pitti, del piero © foto di Corrierespione
Del piero © foto di Conte
Pitti - stefanenko © foto di Corrierespione
Del piero © foto di Conte
Pitti Costanza Caracciolo © foto di Corrierespione
Fiorentina a Pitti © foto di Corrierespione